Access point per tutti i tipi di budget: guida ai prodotti e alle fasce di prezzo

Molto spesso capita di trovarsi nella spiacevole situazione in cui il router che ti ha fornito il tuo provider Internet non è potente come pensavi e il segnale che ne deriva risulta essere piuttosto insufficiente per il semplice motivo che non riesce ad arrivare in tutte le stanze della casa. A tal proposito voglio dirti che potresti migliorare notevolmente e in modo altrettanto semplice la situazione che si è venuta a creare procedendo con l’acquisto di un access point.

Nel caso fino ad ora non ne avessi mai sentito parlare in vita tua posso dirti in modo assolutamente rapido che un access point non è altro che un dispositivo il quale, una volta connesso ad una particolare rete cablata, trasforma quest’ultima in una rete Wi-Fi fornendo a sua volta un punto d’accesso wireless a tutti i dispositivi elettronici che ne hanno bisogno.

Cercando di spiegarla ancora più chiaramente acquistando un access point lo puoi collegare al tuo router personale grazie all’utilizzo di un apposito cavo Ethernet e lo puoi di conseguenza posizionare in un punto della casa dove solitamente non arriva il segnale di Internet risolvendo quindi i problemi legati alla ricezione del Wi-Fi.
In questo articolo andremo a focalizzarci sulle funzionalità di un access point, facendo riferimento a quelle che sono le peculiarità intrinseche di questo prodotto che permettono all’utente di distinguerlo rispetto ad un comune router. Inoltre il nostro obiettivo in questo caso è quello di porre un accento evidente riguardo i brand, o comunque gli access point, migliori sul mercato in termini di prestazioni, design, velocità di esecuzione e tecnologia. Motivo per il quale questo articolo può esserti molto utile nel caso tu abbia intenzione di effettuare un acquisto di questi tipo senza badare al budget che hai a disposizione. Una volta fatta questa piccola premessa partiamo!

Primo step: cosa sono gli Access Point

Gli access point, come già detto nel paragrafo introduttivo, sono dei dispositivi piuttosto semplici che si possono collegare alle cosiddette reti cablate creando a loro volta un ulteriore punto d’accesso Wi-Fi. Non hanno lo scopo di fungere da ripetitori ma creano da soli il punto d’accesso wireless alla rete, gestendo in modo assolutamente diretto i dispositivi connessi alla rete wireless in questione e vanno configurati scegliendo un SSID oltre che una chiave d’accesso specifica.

Al giorno d’oggi esistono nel mercato davvero molte tipologie diverse tra loro di router Wi-Fi e molti range extender, i quali sono dotati a loro volta di funzione access point. Questo  fattore implica il fatto che possono essere utilizzati al posto di un access point “vero e proprio” per trasformare una rete cablata in un punto d’accesso wireless risolvendo sostanzialmente tutte le problematiche relative alla linea wifi.

Il consiglio che di fatto vogliamo fornirvi è quello di valutare bene le proprie esigenze specifiche e comportarsi di conseguenza in fase di acquisto, nel senso che se devi semplicemente portare il segnale del router Wi-Fi in una stanza diversa in cui altrimenti potrebbe non arrivare, potresti semplicemente accontentarti di un range extender con diverse funzionalità di access point; se invece in un caso più specifico avessi bisogno di una soluzione più avanzata potresti anche decidere di optare per un access point “puro” che può a sua volta permettersi di garantire prestazioni ottime quando si tratta di fornire la connessione wireless a molti dispositivi nello stesso istante.

La scelta di un access point: come comportarsi e cosa valutare in fase di acquisto

Una volta che si riusciti a fare una distinzioni sulle principali differenze tra access point e range extender e chiarito che nel mercato esistono anche dei range extender e dei modem che possono tranquillamente agire da access point, andiamo ad analizzare quali sono le principali caratteristiche di cui bisogna assolutamente tenere bene a mente per individuare quale access point comprare.
Gli access point possono disporre di varie tipologie di funzionamento e molte modalità operative, tra le quali troviamo sicuramente:
  1. Root: la quale consiste nella modalità di funzionamento standard degli access point, da utilizzare per ottenere un punto d’accesso wireless partendo dal proprio modem collegato grazie ad un cavo Ethernet.
  2. Bridge: in questa funzione, l’access point svolge di compito di creazione di un collegamento tra uno o più access point collegati a loro volta ad una parte della rete cablata, in modo da metterli in comunicazione tra di loro. Il collegamento ad un solo access point viene così denominato point to point, mentre quello a più access point point to multipoint.
  3. Repeater: se viene a sua volta impostato per funzionare in questa specifica modalità, l’access point aumenta la copertura di una rete Wi-Fi tagliando per metà la banda presente in questa circostanza.
  4. Client: attivando invece questa modalità, l’access point diventa do fatto un “client” riuscendo nell’intento di distribuire la connessione Internet tramite un apposito cavo ai dispositivi sprovvisti di connettività wireless.

Migliori access point nel mercato al giorno d’oggi

Adesso andiamo a concentrare il focus su alcuni dei migliori brand di access point che sono presenti attualmente sul mercato:

  • TP-Link: Questo brand rappresenta di fatto una soluzione economica ma allo stesso tempo molto efficace per coloro che cercano un router puro senza modem integrato. Le caratteristiche che lo contraddistinguono maggiormente sono quelle di riuscire a supportare le reti a 2.4GHz con una velocità di trasferimento dati che può arrivare fino a 450 Mbps disponendo inoltre della funzione WPS e del parental control. Si tratta di conseguenza di un access point economico ma dalla qualità e dall’affidabilità notevole. I suoi modelli inoltre dispongono di due antenne esterne, una porta Power over Ethernet insieme ovviamente al supporto al wireless.
  • ZyXEL: Un marchio che propone degli access point economici ma dotati di un supporto allo standard wireless n unito alle due antenne esterne rimovibili da 5dBi. Dispone infine di 5 Porte Ethernet insieme ad un supporto WPS e può essere a sua volta utilizzato nelle modalità client, addirittura supportando anche la creazione di vari SSID multipli.

  • Tenda: Il sistema innovativo di cui dispone il brand Tenda è molto innovativo che può essere oltretutto gestito dall’applicazione di Tenda, con la quale si potrà configurare in modo molto facile e intuitivo tutti i dettagli della tua rete wireless.

Conclusioni e costi

Considerato quanto sopra, prima di fare la vostra scelta valutate bene le caratteristiche che cercate. Il costo varierà a seconda della tipologia di prodotto e in base a ciò che state cercando in esso. Come si può immaginare in base alle diverse funzioni del modello varieranno anche i costi. Per cui ci saranno access point di fascia economica che costeranno circa 20 euro e access point che possono arrivare a costare anche 100 euro o più, a seconda delle funzioni.

Back to top
menu
sceltaaccesspoint.it