Chi dovrebbe acquistare un access point? Consigli e dettagli

Quando in casa o nel tuo ufficio disponi già di un router e vuoi portare la connessione WiFi in un’altra stanza, o nel caso tu non disponessi affatto della rete wireless, l’unica vera soluzione per farlo è quella di munirsi di un access point. Nel caso però tu fossi del tutto nuovo per quel che riguarda la conoscenza di questo settore, sicuramente ti potrai fare alcune domande riguardo il fatto di cosa rappresenta un access point, come funziona e come si può configurare.

A tal proposito ci tengo a dirti che sostanzialmente è tutto molto semplice e non c’è alcun bisogno di preoccuparsi… in quanto con le giuste accortezze e i giusti consigli, è assolutamente possibile riuscire in un batter d’occhio a capire come potenziare la connessi0ne wi-fi ovunque tu voglia.

Cos’è un access point: tutte le caratteristiche

Partiamo subito spiegando cos’è un access point. Dato che spesso viene considerato come un oggetto in un certo senso misterioso e non si ha bene idea di quale sia il suo utilizzo principale.

Un access point non è altro che un dispositivo di rete in grado di mettere a disposizione dell’utente una linea WiFi al quale è possibile a sua volta collegarsi per poter accedere alla cosiddetta rete locale ed a internet. Il collegamento alla LAN, viene effettuato sempre ed esclusivamente previo utilizzo di un cavo collegato all’apposito modem router wireless principale, il quale ha lo scopo di svolgere il compito di instradazione del traffico.

Ma quando è il caso di comprare un access point? Un access point può essere tranquillamente usato per creare una rete wireless, nel caso in cui il tuo router non ne avesse la possibilità, oppure per cercare in qualche modo di aggiungere un ulteriore WiFi con delle regole di accesso diverse.

Vi sono tuttavia anche degli access point che sono in grado di creare un numero di reti illimitate (quante si voglia), ognuna di essere come dicevo nei paragrafi precedenti dispone di alcune e specifiche peculiarità con regole diverse. Per esempio è possibile creare una rete guest (per gli ospiti), con un sistema di download limitato, in modo tale da riuscire ad evitare che internet abbia degli evidenti problemi di rallentamento.

Alcune informazioni aggiuntive in merito agli access point

A differenza di un router WiFi, bisogna precisare con molta chiarezza che un access point wireless non ha lo scopo di creare da zero una nuova rete, ma la capacità di riuscire ad estendere quella già esistente. Tuttavia i migliori access point presenti sul mercato al giorno d’oggi, sono molto efficienti e in grado di riuscire a farti collegare all’utente più vicino a te, nel caso ovviamente ce ne fossero più di uno, tramite una specifica tecnologia nota con il nome di roaming.

Ciononostante è estremamente consigliato disporre di un access point che riesca a supportare il beamforming, in modo tale che il range della WiFi, possa essere a sua volta direzionato anche nella direzione dei dispositivi più lontani, garantendo allo stesso tempo una navigazione piuttosto stabile.

Discorso diverso invece per tutti i router WiFi di ultima generazione, i quali sono quasi sempre in grado di attivare la funzione access point, in modo da non dover per forza di cose creare una nuova rete all’interno della tua LAN di riferimento. Se per caso disponi già di un altro router, è meglio che tu riesca a controllare che supporti questa funzionalità.

Quando stai per comprare un access point WiFi, potrai notare che nel nome del dispositivo di riferimento è sempre indicato un numero del tipo: AC750, AC1750, n300, ecc a seconda del modello con cui hai a che fare… Tuttavia queste sigle si riferiscono ai Mbps, che la rete wireless generata dal WiFi access point sarà a sua volta in grado di supportare.

Back to top
menu
sceltaaccesspoint.it